Crostata ricotta e visciole

Crostata ricotta e visciole

Un dolce tipico della tradizione ebraica romana che io adoro…. il gusto aspro delle visciole, la delicatezza e la morbidezza della ricotta il tutto pervaso da una nota di limone e di anice e  racchiuso in uno scrigno di pasta frolla.

Questa è la crostata di ricotta e visciole. Molto più di una crostata. Un’attrazione fatale. Amore ad ogni morso.

 

Ingredienti ( per uno stampo da 28 cm di diametro)

per la pasta frolla

400gr di farina 00

200gr di zucchero

200gr di burro

2 uova intere

1 pizzico di sale

scorza grattugiata di un limone non trattato

per il ripieno

400gr di ricotta di pecora

140gr di zucchero

2 uova

2 cucchiai di liquore all’anice

1 vasetto di confettura di visciole

100gr di visciole denocciolate

zucchero a velo

 

Procedimento

Iniziate preparando la pasta frolla. Nella ciotola di una planetaria con la foglia lavorate il burro con lo zucchero, poi aggiungete le uova sbattute con un pizzico di sale, la scorza grattugiata del limone ed infine la farina. Poca alla volta. Lavorate sempre a bassissima velocità fino a quando tutta la massa grassa non avrà assorbito la farina. Fate riposare il composto in frigo avvolto nella pellicola trasparente per circa 30 minuti. Nel frattempo preparate il ripieno. Lavorate con un cucchiaio di legno la ricotta con lo zucchero e le uova. Amalgamate bene il tutto. Tirate fuori dal frigo la pasta, dividetela in due parti non uguali in modo da tenere da parte un terzo dell’impasto. Stendete i restanti due terzi  con il mattarello e foderatevi il fondo di uno stampo precedentemente imburrato e infarinato. Bucherellate con una forchetta la base e distribuitevi  la marmellata e le visciole tagliate a metà. Versatevi sopra il ripieno.  Infornate a 170 gradi  per circa 40\45 minuti.  Con la frolla che avete tenuto da parte realizzate delle strisce da mettere sopra alla crostata quindici minuti prima del termine della cottura.

Prima di servirla spolveratela con dello zucchero a velo.

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *